L’interiorità maschile. Le solitudini degli uomini.

“Introduco un laboratorio di narrazione autobiografica. Cambia l’occasione, la scena si ripete. Diciotto signore e un maschio. Forse sulla sessantina. Il quale, agitato pesce fuor d’acqua dinanzi a un diario ancora immacolato, dà segni visibili di essersi pentito di aver rinunciato alla partita in TV. Guarda alla porta nervosamente, per garantirsi una via di fuga.

Si tratterà – spiego introducendo il corso – di raccontare momenti delle propria infanzia scrivendo di sé. Di frugare nel proprio passato, scrivendone in silenzio. Senza obbligo alcuno di leggere ad alta voce le pagine manoscritte. Un maschio potrebbe sentirsi a proprio agio per proverbiale narcisismo in una situazione simile. E invece, so ormai per esperienza che suole evitarle queste occasioni. Si sente sminuito, ridicolo, con una penna in mano. All’idea di intraprendere semplici esercizi rievocativi. A ogni modo, non racconterebbe mai agli amici questa sua debolezza. Gli hanno insegnato che un uomo non deve lasciarsi andare a tentazioni intimistiche. Ne andrebbe della propria credibilità, metterebbe allo scoperto i propri segreti che non rivela se non a se stesso. La sua solitudine e la sua impotenza comunicativa diventano una prigione. Non una virtù. Tanto meno deve mostrare di commuoversi.”


Demetrio, Duccio, 2010, L’interiorità maschile. Le solitudini degli uomini, Milano, Raffaello Cortina Editore, pp. 15

carta_penna.jpg


Premetto di non averlo ancora letto tutto. Ciò che lascia intendere, per ora, è che gli uomini, o almeno la maggior parte di essi, non sono in grado di interagire con la loro interiorità. Al contrario la mettono a tacere, un po’ per condizionamento sociale, un po’ per paura di qualcosa che non conoscono: se stessi. Le donne, invece, sembra che passino la loro vita a scavare dentro se stesse, sempre alla ricerca di nuove domande e nuove risposte. E’ un libro molto particolare, io ne sono rimasta affascinata. Consigliato!

L’interiorità maschile. Le solitudini degli uomini.ultima modifica: 2011-03-22T07:52:00+00:00da pepespepes
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “L’interiorità maschile. Le solitudini degli uomini.

  1. …e siamo vivi…
    Eh, tutto può succedere…
    Ora qui… siamo soli…
    (V. Rossi- Siamo soli)
    La solitudine è una condizione dell’essere umano perchè ci sarà sempre una parte di noi non raggiungibile dall’altra persona. Jack

Lascia un commento